Ardesia: resistenza e flessione agli urti

Dettagli del materiale

L'ardesia è detta anche pietra di Lavagna ed è una roccia metamorfica di origine sedimentaria.

Si tratta di una varietà di ciottoli calcarei argillosi che si possono dividere facilmente in lastre sottili, leggere, piane, impermeabili e resistenti alle piogge.

Deriva da metamorfosi di grado basso di rocce sedimentarie, che si formano dalla deposizione di marna finissimo, che è dovuto all'erosione di antichi rilievi.

L'ardesia è classificata come roccia semi dura o tenera ed è una pietra compatta di colore nero plumbeo e facilmente lavorabile.

L'ardesia tende a schiarirsi quando viene estratta, fino ad assumere un colore grigio chiaro e la tonalità scura è dovuta a residui di carbonio che si ossidano quando stanno a contatto con l'umidità, l'ossigeno e i raggi ultravioletti.

Siccome ha una certa capacità di dividersi in lastre e grazie alle sue proprietà, si possono usare in vari ambiti artigianali e industriali dell'edilizia e dell'architettura, proprio per realizzare pavimenti, tetti e scale. Oltre a ciò, si possono impiegare nell'oggettistica di uso quotidiano e in arte di design.

Dettagli del materiale:
Il termine ardesia deriva da un'antica parola francese, ovvero 'ardesie', è una roccia sedimentaria classificata come semi dura o tenera, dal colore nero-grigiastro. Presenta degli scisti argillosi e calcarei che sono impermeabili, facilmente lavorabili e resistenti al sole e alle piogge.

Dal momento in cui viene estratta, questa roccia si schiarisce in modo graduale, fino ad assumere un colore grigio.

Questo materiale è formato principalmente da minerali come: muscovite, biotite, quarzo, clorite, pirite ed ematite e ha origine da alcune rocce argillose, soggette a un metamorfismo basso.

Per questo motivo, la roccia non si trasforma in modo radicale, come avviene in altri casi ed ecco perché alcune di queste ardesie presentano una struttura quasi uguale alle rocce sedimentarie e altre di meno, proprio in base al grado di questo processo.
L'ardesia è molto resistente alla flessione, compressione e agli urti, è molto facile da levigare, è impermeabile, poco porosa e resiste bene al fuoco.

Si usa per realizzare diverse tipologie di prodotti, come: cornicioni, pavimenti, rivestimenti per pareti e camini.
Viene usato come materiale per realizzare elementi di arredo e tavoli da biliardo.

L'ardesia è caratteristica per le sue sfumature di grigio e azzurro, proprio dovute al materiale del terreno dove viene estratta.
Se viene presa nella versione nera viene usata per creare le lavagne di scuola.
Siccome è un colore elegante e versatile, si usa nell'interior design sia per realizzare pareti, che pavimenti e sta molto bene con tonalità azzurre e grigie, rosso, arancione, avorio, marrone e sabbia.

Il luogo storico di estrazione di queste rocce è la Liguria, in una zona che si trova tra Chiavari e Lavagna, anche se in Italia ci sono altri giacimenti, come in Sardegna, Toscana, Napoli e il Friuli Venezia Giulia.

Fotografie caratteristiche pagine applicazioni  Fratus Pavimentazioni.jpg